• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Blog

Come ridurre la pressione arteriosa guardando la TV

L’ipertensione arteriosa aumenta il rischio di morte per infarto miocardico ed ictus. Partendo da 120/80 mmHg questa probabilità raddoppia per ogni aumento di 20 mmHg della pressione sistolica e di 10 mmHg della pressione diastolica. Se non trattato, questo disturbo diventa un killer silenzioso per la sua capacità di danneggiare il cuore e i vasi in maniera costante e progressiva, talvolta senza dare sintomi.

Il più frequente fattore di rischio cardiovascolare

Oltre a infarto, ictus e danni renali un altro aspetto da non sottovalutare è l’alterazione della barriera ematoencefalica. Questa struttura fornisce un supporto protettivo e metabolico al sistema nervoso e in caso di malfunzionamento aumenta la velocità dell’invecchiamento cerebrale.
Una delle domande più frequenti che ricevo nella mia pratica clinica è: “Come posso ridurre la pressione arteriosa in maniera naturale?”
Le strategie proposte sono numerose e richiedono tutte una modificazione dello stile di vita prima di prescrivere una terapia farmacologica:

  • Riduzione del peso e cura dell’alimentazione
  • Gestione dello stress
  • Assunzione di principi attivi naturali (per esempio l'estratto di aglio invecchiato)
  • Prescrizione dell’attività fisica

Un protocollo rapido da mettere in atto a casa seduti sul divano

Sono numerosi gli esercizi che migliorano la pressione arteriosa, tuttavia in questo articolo mi soffermerò solo su una strategia.
Una metanalisi di ben 18 studi riporta una riduzione di 6-10 mmHg dopo 4 settimane di pratica. Addirittura la riduzione raddoppia quando l'allenamento è abbinato alle strategie elencate in precedenza. Non voglio tenerti sulle spine, dovrai semplicemente armarti di un handgrip o pinza da allenamento, come quelle utilizzate da chi vuole potenziare mani, polsi e avambracci. Tu però utilizzerai questo strumento in modo diverso. Questo movimento, infatti, comporta una contrazione isometrica tale da influenzare il sistema nervoso autonomo ed equilibrare la pressione arteriosa. Tutti gli esercizi isometrici richiedono una tensione prolungata del muscolo senza compiere ulteriori movimenti.

Un allenamento incredibilmente semplice

Una volta acquistata la pinza mettiti comodo e segui religiosamente questo protocollo. Seleziona con la manopola un carico corrispondente circa al 30% della tua forza massima - solitamente questo valore si attesta tra 10 e 20 kg e puoi facilmente regolarlo.
Se vuoi essere preciso ti suggerisco di utilizzare un dinamometro digitale per determinare questo valore - ma non è obbligatorio.

1) Stringi la pinza e tieni lo strumento premuto per 2 minuti con una mano
2) Cambia lato e ripeti l’esercizio per 12/16 minuti totali - 3 volte a settimana

Perché questo protocollo funziona?

L'evidenza scientifica deriva dagli studi della NATO sui piloti di caccia F-16. Questi, infatti, durante il volo sono soggetti ad una forza di gravità di gran lunga superiore a quella normale e per questo sono costretti a stringere con forza il volante, modificando involontariamente i valori di pressione arteriosa. Oltre all’azione regolatrice sul sistema nervoso autonomo, si è visto che la contrazione isometrica migliora la distensibilità delle pareti arteriose e la funzione endoteliale proteggendo l'intero apparato cardiovascolare.

Se sei affetto da ipertensione arteriosa sappi che il controllo è....nelle tue mani.

PS per approfondire leggi l'articolo:

"Sonno e ipertensione arteriosa"

Condividi!

Iscriviti alla Newsletter